Dal Giusto

Tra le pagine incontrerai:



Immagina una ragazza dai capelli rossi e dalla pelle bianca come la neve. Immagina i suoi occhi che cambiano a seconda del tempo, sfumando fino divenire freddi come ghiaccio mentre il suo sorriso si fa caldo come un raggio di sole.
Continua ad immaginare come, nonostante l’apparenza delicata come un petalo di rosa, trasudi voglia di vivere e sappia spronarti sempre ad andare avanti.
Se chiudi gli occhi riesci forse anche a capire il suo potere magico che è quello della lettura della mente. I pensieri degli altri arrivano nella sua testa come un flusso di un rubinetto aperto e a volte, se si concentra, riesce a scavarti anche dentro.
Metelaine, questo è il suo nome, è una ragazza di Città Nuova che a Borgo Opaco si troverà ad affrontare qualcosa di più grande di lei, rischiando di sacrificarsi in nome dell’amicizia.
Metelaine crede nei sogni, nelle favole, nell’equilibrio karmico e ama fare del bene perché ama veder le persone felici. Il suo colore preferito è il blu, simbolo della calma e della tranquillità, ma allo stesso di emozioni profonde e intense come l’acqua.
Perché dell’acqua Metelaine ha l’animo pacifico e cristallino, ma nel momento in cui si arrabbia riesce a tirar fuori tutta la tempesta.



Leggendo la parola Oltretomba sono sicura che ti verrà in mente l’Inferno, forse proprio quello di Dante Alighieri, diviso in gironi. Ma nel mondo di Borgo Opaco, l’Oltretomba è un luogo fatto di oscure caverne, buche profonde e grida.
Tra ghiaccio e fuoco, chi custodisce questo luogo maledetto – e transitorio solo per alcune anime – è Anubi: il Dio delle scelte da prendere, il Signore delle Vie, il Dio della sacra terra.
Per la maggior parte delle divinità, l’unico interesse è ricevere lodi, offerte e sacrifici, anche umani se del caso.
Ogni Divinità vuole sentirsi unica e importante, ma al Dio Anubi tutto questo non suscita nessun interesse.
L’unica cosa che il dio dal corpo di un uomo e la testa di sciacallo brama è siglare patti con qualsiasi tipo di creatura, perché colui che appartiene all’oscurità dona sempre un prezzo a tutto. Anubi gira per Borgo Opaco con l’aspetto del classico uomo d’affari: completo elegante nero, guanti scuri e una valigia di pelle... qualcuno dice che si tratti di pelle umana, ma l’impossibilità di avvicinarsi troppo lascia questo dettaglio nell’incertezza.
Attenzione a girare nei cimiteri di notte. C’è il rischio di trovarsi di fronte al Dio in persona, questa volta nella sua forma di sciacallo dai denti aguzzi e le orecchie appuntite.




In alcuni momenti nella vita, tutti ci siamo sentiti un po’ come la ragazza che sto per presentarti. Sono sicura che hai attraversato anche tu periodi in cui sentivi il bisogno di nascondere la tua anima dentro una corazza; momenti in cui hai costruito quell’armatura e l’hai poi vestita per anni, così che nessuno potesse più avvicinarsi e farti male.
E sono sicura che, prima o poi, in un attimo, un granello di sabbia abbia scalfito la tua armatura e ti ha fatto scoprire inerme davanti a quel che ti circonda.
Moon è una ragazza di sedici anni, eppure sembra portare il peso del mondo sulle spalle.
Negli occhi ha il cielo e nei capelli il sole, ma non riesce a vederlo perché lei stessa si nasconde da ciò che è realmente. Sopravvive alla vita giorno dopo giorno: quello è il suo modo di vivere. Resta indifferente a ciò che la circonda finché, a un tratto, nella sua quotidianità trascorsa a Borgo Opaco, qualcosa scalfisce la sua corazza e la spinge a ribellarsi, a scoprirsi, a voler urlare al mondo quanto lei non sia invisibile. La vita è fatta di scelte e a Moon da oggi tocca scegliere.




Sin da piccoli ci hanno insegnato che il buio è la tana dei mostri e che solo mamma e papà ci avrebbero potuto proteggere. Crescendo capiamo che in realtà i mostri – quelle creature strane, dai denti appuntiti – non esistono. Ma in fondo, quando la notte cala sulla città e il silenzio si amplifica all’interno nelle nostre case, lì in quell’angolino, la paura si affaccia di nuovo ed è per questo che nascondiamo il nostro corpo sotto un lenzuolo, trovando in quel pezzo di stoffa tutto il nostro coraggio. Borgo Opaco ci racconta che i mostri non nascono tali, o almeno non sempre, ma lo diventano per colpa di altri. Lui è Carduel o meglio, l’ombra di quello che era. Lui è un mostro, perché l’abisso l’ha trascinato con sé nel suo buio. Il dolore, la disperazione, la solitudine sono le sue compagne e in quelle tenebre Carduel divora se stesso.



Immagina acque cristalline che solcano tra le terre fiorite lungo i fianchi delle montagne. Immagina fanciulle immortali, dai lunghi capelli e dai corpi sinuosi, giocare tra i ruscelli e amare ogni creatura. Visualizza il loro tocco delicato e le loro facoltà profetiche. Poi rimani in silenzio e ascolta. Ascolta la voce che proviene dall’angolo, da quello scoglio più in là, dove Provenza, figlia dei titani Oceano e Teti, ninfa delle acque dolci, preferisce rimanere in disparte guarendo ogni tipologia di fiore delicato. Provenza è una creatura immortale e, a dispetto delle sue sorelle, non ha innate facoltà profetiche. Seriche chiome corvine le incorniciano il viso da eterna fanciulla, mettendo in risalto le sue guance rosate e la pelle luminosa. Sarà nella vallata di Borgo Opaco che Provenza si troverà costretta a crescere e a perdere la spensieratezza eterna.



La nonna è una delle poche streghe dell’Antica Religione rimasta ancora in vita, tuttavia riesce ad adempiere ai suoi compiti sacerdotali solo in rari momenti.
Non ricorda il suo nome e quanti anni abbia, ma riesce a divinare con il suo mazzo dei tarocchi e a interpretare qualche risposta nei fondi delle tisane alle erbe.
La nonna è una donna ossessiva, compulsiva, maniaca dell’ordine e del controllo; conseguenza di una famiglia disastrata, dove c’era l’obbligo di non mostrare le proprie emozioni e le proprie debolezze.
Cresce in una famiglia numerosa, tuttavia la rigida educazione imposta la porta a non poter contare su nessuno e a risolvere qualsiasi circostanza solo con le sue forze.
Questo senso di alienazione imposto già dalla sua nascita, porta la nonna inconsapevolmente ad impostare lo stesso sistema educativo anche nella sua famiglia, finendo poi ad accentuarlo nella crescita della nipote.
Ad un tratto, il suo sistema educativo cambia fino ad evidenziare in lei il suo lato più cupo e austero.

 

 

 

Quale Sabba si prepara a festeggiare tutta Borgo Opaco ?

Hai già trovato la risposta a questa domanda? Fai clic qui per andare direttamente alla pagina principale della Zingara. Se guardi in fondo a quella pagina, troverai la sua porta. Fai clic sulla porta, digita la risposta alla domanda e scoprirai ciò che il Libro Delle Ombre di Moon nasconde

 

 

 

Copyright © 2020 - All right reserved
© Tutti i contenuti letterari e gli elementi grafici all’interno di questo sito sono di proprietà esclusiva dell’autrice Emanuela A. Imineo, che detiene la paternità di tali contenuti, le licenze e i diritti di sfruttamento degli stessi. Ne sono vietate la riproduzione e la diffusione non autorizzate. Ne è sempre vietata l'appropriazione. Ogni violazione verrà perseguita.